Tra la vasta panoramica di giochi di carte che possiamo trovare, il poker è tra quelli che offre una maggiore adattabilità. Infatti, nei vari angoli del mondo,  possiamo trovare infinite varianti del poker, ma solo alcuni di questi, grazie alla loro adozione nei più famosi casinò online, sono diventati popolari a livello planetario e sono conosciuti con lo slang “grandi tre”: Texas Hold’em, Omaha e Omaha Hi-Lo

Texas Hold’em

La variante più famosa del poker, è forse anche quella più semplice, è il Texas Hold’em o più semplicemente hold’em (letteralmente tienile, ovviamente si riferisce alle fiches sul tavolo). Si gioca con un mazzo da cinquantadue carte francesi (escludendo i jolly).  Quando si inizia una nuova partita, ai giocatori vengono distribuiti due carte coperte a testa, che prendono il nome di “hole”. In seguito, vengono disposte al centro del tavolo cinque carte comuni, questa volta scoperte, che possono essere viste e usate da tutti i giocatori. Queste carte prendono il nome di community cards e sono suddivise in Flop (le prime tre), Turn (la quarta) e River (la quinta)  e sono scoperte dal mazziere durante le varie fasi di gioco. Queste carte possono essere usati da ogni giocatore per  formare il proprio il punto. Nel caso in cui due o più giocatori hanno una mano di cinque carte identiche come valore, il piatto viene diviso  in modo equo fra i vincitori.

Omaha

Omaha è  una variante del poker che a deriva dal Texas Hold’em: praticamente  le regole del gioco sono quasi e differiscono  per due eccezioni. La prima differenza è che nell’Omaha le Hole Card, o meglio le carte personali, non sono due ma bensì quattro. La seconda differenza è che tra le carte che concorrono per fare il punto,  un giocatore deve necessariamente usare due delle proprie carte personali. In altre parole è costretto a usare solo tre delle cinque carte comuni.

Omaha Hi-Lo

Omaha Hi-Lo come è facile intuire è basato sulla variante Omaha a cui viene applicata la variante  High-low split,  il piatto viene diviso in modo eguale tra la mano di classifica più alta e quella di classifica più bassa. Se nessun giocatore ha la mano bassa, il piatto intero va alla mano alta . L’obiettivo di questa variante del poker è avere sia la migliore mano alta che bassa, tale combinazione di punto viene chiamato scoop del piatto.